In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ordinanza contro il degrado, San Liberale diventa alcol free

Il sindaco di Treviso Mario Conte vieta la vendita di alcolici in alcune vie del quartiere. Stop anche a bevande in lattina e vetro dalle 18 alle 6 fino al 18 dicembre

Federico Cipolla
1 minuto di lettura
Largo Tre Venezie, una delle zone in cui non si potrà vendere alcol 

Stop ad alcol, e alla vendita di bevande in vetro e in lattine in alcune via di San Liberale. È il contenuto di una nuova ordinanza firmata dal sindaco Mario Conte, che riguarderà un’intera area, già oggetto in questi anni di molti provvedimenti a carico di singoli locali che disturbavano la quiete del quartiere. Nel dettaglio al centro del provvedimento è finita la zona che comprende via Tre Venezie, largo Tre Venezie, piazza Unità d’Italia, via Emilia e via Mantiero nel tratto compreso tra via Tre Venezie e via Emilia, dove non si potrà vendere alcol dalle 18 alle 6.

In queste zone il Comando di Polizia Locale ha riscontrato, nelle scorse settimane, la presenza diffusa di rifiuti, come bottiglie di vetro e lattine oltre che situazioni di degrado come urina sui muri e per terra e altri comportamenti poco rispettosi da parte dei clienti dei locali. Per esempio, com’è stato segnalato a più riprese, il fatto di occupare la strada con i bicchieri in mano, come se la carreggiata fosse naturale estensione dei locali. Con conseguenze sulla sicurezza stradale e fastidi per residenti e automobilisti che passano di là e sono costretti a fermarsi, o a compiere pericolosi slalom.

«Molto spesso», spiega il comandante della polizia locale Andrea Gallo, «tali comportamenti sono dovuti all’assunzione di bevande alcoliche che impediscono alle persone di percepire l’effettivo pericolo di certi atteggiamenti e comportamenti che e portano a situazioni di degrado igienico sanitario che meritavano una immediata risposta». L’ordinanza alcol free è una novità a Treviso: fino ad oggi le ordinanze avevano riguardato singoli pubblici esercizi, con chiusure anticipate o divieto di vendita e somministrazione di alcol. «In questi ultimi tre anni», ricorda il comandante Gallo, «sono state emesse una decina di ordinanze a carico di singoli bar che erano stati al centro di gravi situazioni di disturbo con inevitabili conseguenze che hanno minato la vivibilità urbana». La nuova ordinanza firmata dal sindaco Mario Conte punta anche ad intervenire su quelle situazioni di incuria e precarie condizioni igienico sanitarie che sono state riscontrate nella zona. Le prescrizioni saranno valide da oggi fino al 18 dicembre dalle 18 alle 6.

Per almeno due volte in passato la polizia locale ha emesso ordinanze per la chiusura temporanea del bar di via Tre Venezia. Provvedimenti che però non hanno sortito effetti, se non nei giorni in cui erano in vigore. Le lamentale da parte del quartieri, e i sopralluoghi dei vigili hanno indotto dunque il sindaco a prendere un provvedimento drastico, seppur anche questo temporaneo, nella speranza che il degrado e i disagi lamentati dai residenti trovino fine.

I commenti dei lettori