In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Operaio 22enne di Treviso accusato di violenza sessuale e stalking

La denuncia di una coetanea, con cui aveva avuto una relazione. Il giovane ha un divieto di avvicinamento e oggi è comparso davanti al giudice

Diego Bortolotto
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Un flash mob contro la violenza sulle donne

 

Si sono frequentati per un breve periodo, poi lui ha iniziato a perseguitarla e costretta a rapporti sessuali. Questa l’accusa che una ragazza di 22 anni, nei confronti di un 22enne operaio trevigiano, che ha avuto un divieto di avvicinamento, e stare distante almeno 500 metri dai luoghi frequentati dalla ragazza. Gli episodi per cui si sta indagando si sono verificati in un Comune dell’hinterland di Treviso.

Stamattina si è svolto l’interrogatorio di convalida. «Non sono vere le accuse, non ho mai fatto nessuna violenza su di lei», ha risposto al giudice il giovane, che è incensurato. Il gip si è riservato per decidere quali provvedimenti prendere. La difesa ha richiesto la revoca della misura cautelare. «Agli atti non ci risultano elementi di prove documentali, testimonianze, certificati medici, che suffraghino le accuse», spiega l’avvocato Pietro Dalla Libera, legale del giovane.

Nelle scorse settimane, dopo la denuncia presentata ai carabinieri da parte della 22enne, era scattato immediatamente il “Codice rosso”. La magistratura due giorni fa aveva stabilito la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla dimora e ai luoghi frequentati dalla ragazza.

Tutto questo avviene all’anti vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebrerà il 25 novembre, con molte iniziative anche nella Marca Trevigiana.

I commenti dei lettori