In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Schianto a San Vendemiano, ecco chi è la vittima sessantenne

Ha perso la vita Paolo De Poli di Azzano Decimo. All’origine dell’incidente ci sarebbe una mancata precedenza

rosario padovano
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

La Fiat Punto di Paolo De Poli dopo l’incidente di San Vendemiano, a destra la vittima Paolo De Poli

 

La mancata precedenza, l’impatto violentissimo, e l’auto che finisce fuori strada. Ha perso la vita così sabato sera Paolo De Poli a San Vendemiano. Il 61enne di Azzano Decimo (Pordenone), lascia una figlia.

Lo schianto è avvenuto poco prima delle 23, al confine con San Fior, in via Longhena. La Fiat Punto condotta dal sessantunenne è uscita da via De Marchi immettendosi su via Longhena. Sulla strada principale però proprio in quel momento sopraggiungeva la Ford Focus condotta da un 25enne albanese residente in zona e diretto a Conegliano. Impossibile evitare lo scontro.

L’impatto è stato violentissimo: la Focus è finita sulla corsia opposta, mentre la Punto è stata scaraventata fuori dalla carreggiata finendo sul campo a lato strada.

Immediata la chiamata dei soccorsi. Sul posto è arrivata l’ambulanza del Suem118, e i vigili del fuoco, oltre ai carabinieri per i rilievi di rito. Le condizioni di De Poli sono apparse fin da subito disperate. Ai pompieri è spettato il compito di liberarlo dalle lamiere, ed estrarlo. Ma nonostante i soccorsi il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso del 61enne di Azzano Decimo. Ferito lievemente il conducente della Ford, che è stato portato all’ospedale di Conegliano. Via Longhena è rimasta chiusa fino a tarda notte per consentire i soccorsi, la messa in sicurezza dei mezzi e i rilievi delle forze dell’ordine.

Spetterà ai carabinieri ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. Quello che al momento si sa è che De Poli usciva da via De Marchi, mentre la Focus arriva dalla strada principale. All’origine dell’impatto potrebbe esserci la mancata precedenza da parte di De Poli stesso, ma i rilievi consentiranno anche di verificare la velocità a cui procedeva l’auto condotta dal venticinquenne.

E quindi se l’impatto con la Fiat Punto del sessantunenne di Azzano Decimo sia stato inevitabile. Si allunga il drammatico elenco delle vittime della strada nella Marca Trevigiana, in questo 2022 che ha già visto 52 persone perdere la vita in provincia.

La notizia della morte di De Poli ha suscitato sconcerto e dolore nel territorio di Azzano Decimo, ma anche nella vicina Villotta di Chions, paese di cui era originario. De Poli lavorava come operaio ed era una persona molto discreta e riservata. Alcuni amici hanno riferiti che il sessantunenne stava rincasando dopo essere stato a cena di amici in una casa di San Vendemiano.

De Poli aveva una grande passione, quella per la montagna, le camminate alpine, spesso in compagnia. «Sarebbe andato in pensione tra pochi mesi, a gennaio», lo ha ricordato ieri un amico, «aveva un carattere mite e allo stesso momento era onesto e solare. Viveva per la figlia, il suo orgoglio». Vasto il cordoglio, manifestato anche attraverso il profilo Facebook di De Poli. Il sindaco di Azzano Decimo, Massimo Piccini, ha espresso il sentimento di dolore della comunità. «Piangiamo un’altra vittima della strada». Si allunga

I commenti dei lettori