In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

A Conegliano la grande festa per gli Alpini: in mille alla sfilata

Dopo gli onori alla bandiera e la deposizione della Corona al monumento ai caduti di piazza IV Novembre, la sfilata fino in piazza Cima, dove si sono poi tenuti gli interventi delle autorità

Salima Barzanti
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Un migliaio per l’undicesimo Raduno “Gruppo Conegliano” Terzo artiglieria da montagna. Oggi, 30 ottobre, dopo gli onori alla bandiera e la deposizione della Corona al monumento ai caduti di piazza IV Novembre, la sfilata fino in piazza Cima, dove si sono poi tenuti gli interventi delle autorità.

A parlare il sindaco di Conegliano, Fabio Chies, il presidente della sezione di Conegliano dell’Ana, Gino Dorigo e il comandante del Gruppo Conegliano, il tenente colonnello Davide Pascoli. Toccante il momento in cui proprio quest’ultimo ha consegnato al nipote Piero la piastrina militare dello zio, il tenente Enzo Pagni, artigliere alpino del Gruppo Conegliano, morto in Russia nel 1943.

Le penne nere a Conegliano: in mille al raduno

«Attraverso l’umanità e la storia, possiamo capire il profondissimo valore delle pace e questo piastrino è un modo per parlare di pace».

A “guidare” la cerimonia, la Fanfara. Tantissime le presenze civili e militare per questo importante appuntamento a ricordo del Gruppo nato proprio a Conegliano nel 1909 e poi ricostituito nel 1951, grazie anche, tra gli altri, a Feliciano Cancian, classe 1919, originario di Parè, oggi residente in Val Camonica, che non è voluto mancare a questo raduno.

La fotogallery.

I commenti dei lettori