In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Villa Franchetti di Preganziol all’asta, si parte da 10 milioni

Ufficializzata la vendita anche dopo le polemiche. Priorità ad una destinazione pubblica. Possibile acquistare anche singoli lotti

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Dopo anni immaginando progetti di rilancio mai partiti Villa Franchetti di Preganziol va ufficialmente sul mercato. Come anticipato due giorni fa, mettendo in evidenza anche le conseguenze politiche della decisione, la Provincia di Treviso ha dato il via alle manifestazioni d'interesse per l'acquisto dell'immobile, degli edifici minori che lo accompagnano e del parco circostante, dando priorità alla fruizione pubblica del complesso “capitale culturale e storico di rilievo per il territorio”. Il valore complessivo dell’asta è di 10.302.628,20 euro.

L'esperimento di vendita prevede la possibilità di acquistare l'intero complesso, per i dieci milioni a gara,  oppure singoli lotti. Si potrà acquistare infatti solo la “Villa”, per un valore totale di 2.549.073,67 euro, mettendo in comproprietà il parco e gli edifici minori vengono ceduti in comproprietà, in quota proporzionale per 247/1000. O si potrà acquistare solo la “Barchessa Sud”,  mettendo in comproprietà di 315/1000 il parco e gli edifici minori (valore di base d’asta di 3.245.136,27). altrimenti solo la “Barchessa Nord”, mettendo sempre in comproprietà il parco e gli edifici minori (4.508.418,25 euro).

«Le vicende storiche e amministrative che riguardano Villa Franchetti sono uno dei temi al centro della nostra attenzione già da molti anni – ricorda il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon - nell’ultimo quindicennio, abbiamo cercato intese e accordi che fossero effettivamente funzionali e rispettosi del patrimonio culturale che essa rappresenta, per consentire che fosse valorizzata e promossa al meglio, come merita. Già in passato abbiamo acquisito alcune manifestazioni di interesse non vincolanti, di cui però teniamo conto. Oggi gli Enti locali stanno attraversando un momento particolarmente difficile, come sappiamo, per una situazione finanziaria complessa determinata dalla crisi post-pandemica, energetica e internazionale. Per questo, dobbiamo tentare un nuovo esperimento di vendita mantenendo saldo, però, un aspetto importante, che ripristina l’equilibrio di questa delicata scelta: la salvaguardia della fruibilità pubblica del complesso immobiliare». e riferendosi anche ai malumori generati dalla decisione sottolinea: «La Provincia, dunque, resta aperta al dialogo e al confronto con i Comuni, in particolare con il Comune di Preganziol, e con tutte le istituzioni e le realtà che desiderano esprimere una proposta di acquisto per cercare di trovare, insieme, un percorso e una destinazione d’uso per Villa Franchetti che finalmente possano farla risplendere nel rispetto della sua identità storica»

I commenti dei lettori