In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Treviso, non riconosceva più la figlia, ora le canta “Un amore così grande”

Massimo, affetto da Alzheimer, curato dalla Fondazione Città di Roncade, ha riacquistato parte della memoria

Diego Bortolotto
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Un frame del video realizzato dalla Fondazione Città di Roncade

 

Massimo, quando è entrato nella casa di riposo di Roncade, non ricordava più nemmeno il nome della figlia Antonella. L’Azheimer sta cancellando la sua memoria. Oggi, grazie al quotidiano lavoro di stimolazione cognitiva degli educatori e professionisti della struttura e della Cooperativa Promozione Lavoro, durante le videochiamate, chiama Antonella, e accarezza il tablet per sentirla più vicina. Le canta “Un amore così grande” del tenore Mario Del Monaco e recita a memoria il tredicesimo canto dell’Inferno di Dante. E’ una storia strappa lacrime quella raccontata dalla Fondazione Città di Roncade, oggi, 21 settembre, Giornata mondiale dell’Alzheimer. E’ stata diffusa anche attraverso un video, che mostra inoltre le attività svolte nel centro sollievo, gestito dall’associazione CE.RI.A.PE.

I commenti dei lettori