In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Treviso, lavori fino a dicembre per acquedotto e fognatura in via D’Azeglio

Partiranno la settimana del 19 settembre e si concluderanno entro dicembre i lavori per acquedotto e fognatura in via D’Azeglio a Treviso, nell’ultimo tratto a nord dell’arteria

1 minuto di lettura

Il fiume Botteniga a Treviso

 

Partiranno la settimana del 19 settembre e si concluderanno entro dicembre i lavori per acquedotto e fognatura in via D’Azeglio a Treviso, nell’ultimo tratto a nord dell’arteria. L’opera prevede la sostituzione dell’attuale condotta idrica, della lunghezza di 120 metri, il rifacimento dei nodi idraulici di collegamento alle condotte esistenti e di tutti gli allacciamenti alle abitazioni che si affacciano sul tratto interessato dal cantiere, oltre all’installazione dei pozzetti utenza per la predisposizione dei contatori al limite delle proprietà private, così come prevede il regolamento di Ats.

Contestualmente, è programmata la posa di una nuova tubazione di fognatura nera per 125 metri, per l’allacciamento delle utenze alla rete fognaria comunale. Tali lavori andranno a completare quelli per la realizzazione di 270 metri di condotte per le acque nere e di 300 metri di acquedotto nella medesima via che si sono svolti nei mesi scorsi, con l’obiettivo non solo di ammodernare le tubature di acquedotto, ma anche di consentire il recapito dei reflui al depuratore comunale di via Pavese, riducendo quindi lo scarico delle acque sui corsi d’acqua superficiali della città e, in particolare, sul vicino fiume Botteniga.

«Per creare meno disagio possibile ai cittadini, l’azienda ha deciso da tempo di adottare un metodo operativo che prevede la realizzazione contestuale delle reti idriche e fognarie - spiega l’amministratore delegato di Ats, Pierpaolo Florian – In questo caso, il cantiere interessa una via popolata, in un quadrante della città non distante dalle mura cittadine».

L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Treviso, Sandro Zampese, aggiunge: «Con tali opere, amministrazione e Ats intendono dare risposte concrete ai cittadini che potranno beneficiare di un servizio idrico sempre più adeguato e in grado di preservare i corsi d’acqua che sono un elemento caratterizzante della nostra comunità».

I commenti dei lettori