In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Spaccio in Feltrina a Treviso, fermato il clan dei nigeriani

Operazione della polizia, sette sotto accusa per decine di cessioni

1 minuto di lettura

TREVISO. Decine di cessioni di cocaina a residenti del posto, clienti abituali e di passaggio. Un sistema collaudato che aveva come punto di riferimento la Feltrina, nei pressi di Monigo, vicino ad un bar già altre volte oggetto di controlli. A gestire l’attività,  basata su singole cessioni di piccoli quantitativi di cocaina, sette nigeriani trentenni identificati dagli agenti dopo lunghe attività di appostamento e controllo.

L’operazione ha portato alla richiesta di arresto dei componenti del gruppo che il gip ha però negato tramutandola nell’obbligo di dimora fuori dai confini della Provincia

Il blitz degli agenti con relative perquisizioni domiciliari è scattato a fine luglio ed è arrivato nei giorni scorsi in tribunale. I sette, a turno e con orari diversi, rifornivano molte persone cedendo mezzi grammi o quantitativi di poco superiori garantendo un continuo via vai di clienti al clan, composto da residenti in città, alcuni dei quali sposati e con figli. 

A segnalare i movimenti sospetti e indurre l’avvio di una specifica indagine da parte della squadra antidroga della questura erano state le segnalazioni di alcuni residenti che avevano indicato i movimenti sospetti del gruppo di nigeriani e l’inconsueto via vai di auto e clienti che arrivavano nei pressi del locale, si appartavano con i nigerini e poi andavano via.

Di qui la ricostruzione di tantissime cessioni, alcune delle quali confermate dal successivo fermo degli acquirenti e dal rinvenimento dello stupefacente, 

In casa dei nigeriani ritrovati soldi e diversi telefoni cellulari.  Nei prossimi giorni l’udienza di convalida. 

I commenti dei lettori