In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Conegliano, colpi a raffica nelle villette in collina

I ladri a segno a San Pietro di Feletto, Refrontolo e Tarzo. Il sindaco di Refrontolo Mauro Canal: «Bisogna aiutarsi a vicenda e segnalare le persone sospette»

Diego Bortolotto
1 minuto di lettura

Un posto di blocco dei carabinieri a Tarzo

 

CONEGLIANO. C'è una banda di ladri che predilige le villette nelle aree collinari del Coneglianese e Vittoriese ed entra in azione in pieno giorno. San Pietro di Feletto, Refrontolo e Tarzo i tre Comuni in cui gli obiettivi sono stati presi di mira lunedì. Nella mattinata, prima di mezzogiorno, i soliti ignoti si sono introdotti in una delle villette di via Liberazione a Refrontolo. I residenti non era in casa e così i banditi hanno avuto tutto il tempo di mettere a soqquadro le stanze, alla ricerca di preziosi. È stato un abitante della zona a notare che c'era qualcosa di anomalo e lanciare l'allarme, ma i ladri erano già svaniti. Quasi sicuramente sono arrivati dai vigneti che circondano il luogo.

«È avvenuto in pieno giorno, poco prima di mezzogiorno», conferma il sindaco Mauro Canal, che esprime la preoccupazione dei suoi concittadini. «Qui ci si conosce un po' tutti – osserva il primo cittadino di Refrontolo -, bisogna fare rete e aiutarsi l'uno con l'altro tra cittadini. Può essere un metodo efficace per prevenire i furti». A Refrontolo i colpi in abitazione sono rari. Non si è mai istituito un “Controllo del vicinato”, come avvenuto in altri paesi bersagliati dai furti. In una realtà piccola, c'è già una solidarietà e controllo reciproco tra vicinanti. Il sindaco chiede ancora maggiore coesione.

È stato invece un panettiere a Tarzo, in via Col di Lana, a scoprire che quattro malviventi si erano introdotti nella casa di un dipendente comunale. Hanno forzato degli infissi e rovistato. Il fornaio era a fare delle consegne e ha avvistato la banda che stava scappando. Sono fuggiti su una Bmw station wagon. È scattata la chiamata alle forze dell'ordine e la banda di ladri ha sfrecciato a tutta velocità lungo via Monticano verso Corbanese, effettuando sorpassi pericolosi, era poco prima delle 13. Informato dell'accaduto, il sindaco Gianangelo Bof si è subito messo in contatto con gli inquirenti per gli sviluppi del caso.

È possibile che si tratti della stessa banda che lunedì è entrata in azione a San Pietro di Feletto. In quell'episodio tra l’altro i malviventi hanno avuto accesso più facilmente all’abitazione, poiché hanno trovato una finestra aperta. Rimane un'anomalia l'orario scelto per i furti. Non è escluso che il gruppo di ladri abbia in precedenza effettuato dei sopralluoghi, per osservare gli spostamenti dei residenti e prendere nota delle aree residenziali più facili da colpire, muovendosi poi di giorno nelle ore di assenza dei padroni di casa. 

I commenti dei lettori