San Fior, sciopero alla Ilsa per il premio di risultato

Un momento dello sciopero di oggi all'Ilsa di San Fior 

Astensione di quattro ore concordata da Fiom Cgil, Fim Cisl e Rsu aziendali. La ditta del settore della refrigerazione occupa 110 lavoratori 

SAN FIOR. Larghissima adesione dei lavoratori allo sciopero proclamato per oggi da Fiom Cgil e Fim Cisl e Rsu aziendali alla Isla di San Fior, impresa leader nel settore della refrigerazione che impiega 110 dipendenti. Per la terza volta nell’arco di due mesi i lavoratori di tutti i reparti hanno incrociato le braccia per 4 ore in uscita da tutti i turni di lavoro per chiedere all’azienda di avviare la trattativa sul premio di risultato.

Da settimane, infatti, i lavoratori, tramite i loro delegati e le organizzazioni sindacali, chiedono di aprire il confronto per giungere a un accordo sul premio di risultato «per veder ripagato il loro innegabile impegno ad aver contribuito a mantenere competitiva l’azienda sul mercato, ma senza ottenere risposte ricevibili da parte dell’impresa. Stupisce - spiega Fabio Cappellazzo della Fiom Cgil Treviso - che l’azienda non sia ancora disposta a discutere e a raggiungere un vero accordo, che non solo redistribuirebbe con più salario i risultati economici raggiunti con l’impegno dei lavoratori, ma creerebbe appartenenza e motivazione per superare le difficoltà di questa particolare fase. Ci auguriamo che si possa tornare a un dialogo più costruttivo il prima possibile, ma se necessario faremo proseguire la protesta. Ancora una volta i lavoratori hanno dimostrato grande coesione, solidarietà e dignità».

«Stranamente - afferma Alessio Lovisotto della Fim Cisl territoriale - il futuro per i lavoratori della Ilsa è un ritorno al passato, perché il premio di risultato c’era fino a circa 10 anni fa. Stupisce come l’azienda, anziché progredire nella modernità della partecipazione dei lavoratori, pensi di isolarsi in una torre d’avorio che impoverisce i rapporti costruttivi che ci sono stati in passato. Siamo disponibili, come ribadito in più occasioni, a sederci al tavolo delle trattative su basi che siano serie e distributive, e che vadano oltre il bonus da 200 euro che il Governo con il Decreto Ucraina ha invitato a dare ai dipendenti». In attesa di una risposta, i lavoratori oggi hanno nuovamente scioperato, con l’obiettivo di sbloccare l’impasse e sedersi attorno ad un tavolo per chiudere un accordo che garantisca soddisfazione alle richieste salariali dei dipendenti.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Monza, Berlusconi e Galliani tornano in A: Il Condor scatenato in tribuna come ai tempi del Milan

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi