Contenuto riservato agli abbonati

Bepi, 94 anni, decano dei norcini trevigiani: «È un rito che non mi stanca»

Bortolini è di Miane. A “Sopresse d’Alta Marca” ha raccontato la sua esperienza: «Innanzitutto rispetto per il sacrificio dell’animale. Poi? I segreti di nonna Marina»

MIANE. Ha 94 anni. Ha appena rinnovato la patente. Gira con un furgone attrezzato da falegnameria (“sì, vado a far legna nel bosco”), che nei mesi invernali si trasforma in macelleria: nel senso che trasporta tutto l’occorrente per trasformare il maiale in salami, soppresse, prosciutto. «Dicono che sia l’ultimo norcino – sorride Bepi Bortolini -. Non lo so. So, però, che senz’altro sono il più anziano.

Video del giorno

Briatore: "Noi abbiamo fatto l'upgrade della pizza". Sorbillo: "Lo rispetto, ma è buona anche quella di 5 euro"

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi