Treviso, ecco la nuova flotta di bus Mom che taglia emissioni e inquinamento

Presentazione nella sede della Mom (Mobilità di Marca spa) di 5 autobus “12 metri” ibridi destinati agli ambiti urbani di Treviso, Vittorio Veneto, Conegliano e Montebelluna, di 9 autobus “14 metri” a metano CNG e di 4 autobus “12 metri” ibridi, destinati ai servizi extraurbani sulle linee in concessione

TREVISO. “Ho partecipato questa mattina a Treviso alla presentazione della nuova flotta di autobus di Mom: 18 nuovi mezzi a basso impatto ambientale, ibridi e metano, che saranno in servizio entro la fine del mese, i primi in Italia. Un investimento complessivo di 5.823.000 euro, di cui 4.706.180 grazie a un contributo regionale.

Questi nuovi autobus intercetteranno 31 milioni di passeggeri, con grande attenzione per la sicurezza ovviamente dei clienti ma anche degli autisti, per i quali auspico tolleranza zero in caso di incivili aggressioni”.

Così il presidente della Regione Veneto durante la presentazione nella sede della Mom (Mobilità di Marca spa) di 5 autobus “12 metri” ibridi destinati agli ambiti urbani di Treviso, Vittorio Veneto, Conegliano e Montebelluna, di 9 autobus “14 metri” a metano CNG e di 4 autobus “12 metri” ibridi, destinati ai servizi extraurbani sulle linee in concessione (operativi in provincia di Treviso e nel Veneto centrale).

Video: Il presidente di Mom illustra i nuovi mezzi

Mom, il presidente Colladon presenta i 18 nuovi bus ibridi a metano

“La Regione anche in tempi difficili di pandemia non ha mai smesso di investire sui trasporti pubblici. I nuovi autobus sono dotati di tutte le strumentazioni più moderne, come i monitor per l’informazione a bordo, la video-sorveglianza e, sul fronte sicurezza, anche il “Panic Button”, il sistema che MOM – prima in Italia – sta sperimentando in collaborazione con le Forze dell’Ordine: in pratica - sottolinea il governatore - in caso di emergenza, il conducente può attivare l’allarme e le centrali operative possono visionare in tempo reale le immagini a bordo e coordinare l’intervento”.

MOM è anche tra le poche aziende del trasporto pubblico italiano ad aver richiesto per i nuovi mezzi dotazioni aggiuntive, rispetto agli standard, al fine di aumentare il livello di sicurezza alla guida. I nuovi mezzi vedono quindi installato il sistema Mobil-Eye, tra i primi a livello nazionale per il trasporto pubblico locale: un dispositivo di assistenza alla guida, studiato per i veicoli pesanti che operano in condizioni di traffico elevato e poi applicato agli autobus, in grado di rilevare la presenza di ostacoli frontali o laterali. Il sistema previene collisioni frontali fino a 2,7 secondi di anticipo con segnale acustico/visivo.

Metà dei nuovi autobus sono inoltre dotati dell’innovativa tecnologia Efficient Hybrid, che consente un ulteriore abbattimento di consumi ed emissioni inquinanti, nonché di avere uno stop&start automatico per una sosta alle fermate completamente silenziosa: durante le frenate dell'autobus il sistema funge da generatore di corrente sfruttando l'energia meccanica prodotta, consentendo una distribuzione intelligente dell'energia, affiancando il motore a gas con potenza motrice elettrica e abbattendo notevolmente il consumo di carburante, il rumore e le già ridottissime emissioni.

“Sul fronte dell’impatto ambientale - conclude il presidente della Regione - si tratta di una vera e propria svolta per la flotta extraurbana di Treviso, la prima in Italia che vedrà l’immissione in servizio dei primi autobus ad alimentazione alternativa al gasolio, dedicati alle lunghe percorrenze”. Un cambiamento che avrà ripercussioni anche nella logistica MOM, con investimenti nelle stazioni di rifornimento metano.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Renzi alla scuola politica della Lega, lo stupore di Salvini con i cronisti: "Non lo sapevo!"

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi