Contenuto riservato agli abbonati

Dimessi o pensionati: cento località senza un medico di base nel Trevigiano, ecco dove mancano

Aumentano le zone carenti nella Marca, i Comuni della cintura urbana tra i più colpiti. Agli specializzandi 650 assistiti

TREVISO. Dimissioni inattese, pensionamenti, cessazioni impreviste, studi che abbassano le serrande: aumentano i comuni trevigiani che rischiano di restare sprovvisti di medico di famiglia. A certificare l’aggravamento della situazione è l’azienda sanitaria trevigiana che, pochi giorni fa, ha dovuto rivedere al rialzo il numero di zone carenti di assistenza primaria del 2022 da comunicare alla Regione.

Quadro in peggioramento

«La situazione assistenziale è mutata per effetto della comunicazione di ulteriori cessazioni di medici, non previste né prevedibili» scrive la direzione dell’Ulss 2.

Video del giorno

Renzi alla scuola politica della Lega, lo stupore di Salvini con i cronisti: "Non lo sapevo!"

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi