Contenuto riservato agli abbonati

Nadir, l’uomo che si è dato fuoco a Oderzo, è ricoverato in fin di vita con ustioni sull’80 per cento del corpo

Si trova all’ospedale di Verona. La sindaca: «Un dramma umano, vaccini e Green pass non vanno strumentalizzati»

ODERZO. Ha ustioni sull’80% del corpo Nadeem Faraz, il 37enne che sabato sera si è dato fuoco dopo che i carabinieri gli avevano notificato la seconda multa in due giorni: era al lavoro senza Green pass perché impossibilitato fino a ieri a vaccinarsi in quanto bloccato da un obbligo di dimora.

Nella notte è stato elitrasportato da Oderzo a Verona: è ricoverato nell’ospedale di Borgo Trento in condizioni disperate.

Video del giorno

L'arrivo di Del Vecchio ad Agordo tra gli applausi della sua gente

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi