Contenuto riservato agli abbonati

La quarta ondata ha paralizzato l’Ulss della Marca: «Bisogna recuperare 17 mila prestazioni»

Il dg Benazzi presenta il quadro e la sua evoluzione: sarà necessaria una riorganizzazione a fine pandemia con sale operatorie in funzione 12 ore e ulteriori assunzioni di anestesisti

TREVISO. Ospedali trevigiani stressati dalla quarta ondata di Covid che ha generato oltre 17 mila prestazioni da recuperare. L’azienda sanitaria della Marca incrocia le dita e spera che la pandemia finisca entro marzo, così da poter avviare già nel mese di febbraio un massiccio piano di recupero delle lunghe liste d’attesa.

«Abbiamo 16.269 visite specialistiche non urgenti e 932 interventi galleggianti da esaurire», ammette il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi.

Video del giorno

Giro d'Italia 2022 a Treviso. Ecco dove arriverà lo sprint e il toto tappa

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi