Contenuto riservato agli abbonati

Assunto come pizzaiolo a chiamata, lavoravo con turni di 12 ore al giorno

La testimonianza di un addetto della ristorazione a Treviso: «Non solo penali per chi si licenzia, anche tante altre irregolarità». Un contratto da mille euro con 400 in nero e giornate dalle 9 alle 21 con pausa non retribuita

TREVISO. Non bastasse la penale di mille euro in caso di dimissioni, un pizzaiolo assunto in un locale trevigiano doveva pure sottostare a turni massacranti - 12 ore al giorno con pausa di mezz’ora non retribuita - nonostante fosse assunto a chiamata.

Una serie di irregolarità contrattuali, una dietro l’altra, segnalate da un lavoratore trevigiano e contestate dalla Cgil, che ora sta trattando con l’azienda per eliminare, come prima cosa, la penale di mille euro.

Video del giorno

Giro d'Italia 2022 a Treviso. Ecco dove arriverà lo sprint e il toto tappa

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi