Contenuto riservato agli abbonati

No Vax, nella Marca scatta l’allarme infiltrazioni

Per gli inquirenti i gruppi trevigiani non sono pericolosi ma si valuta il rischio di contaminazioni con fazioni estremiste

TREVISOÈ sotto stretto controllo dei reparti info-investigativi delle forze dell’ordine il mondo No-Vax della Marca Trevigiana. Un mondo variegato, per ceto sociale, ma accomunato dalla lotta all’obbligo vaccinale.

Quello che emerge dai report investigativi è che in provincia di Treviso i contrari al vaccino (per i quali è meglio ammalarsi per rafforzare le difese immunitarie oppure veri e propri negazionisti della pandemia) non appartengono a fazioni radicali, ma potrebbero in qualche maniera essere infiltrati da gruppi d’ispirazione politica estremista, ai quali della pandemia poco importa, ma aspettano sempre occasioni come queste per fomentare tensioni oppure organizzare azioni violente contro lo Stato.

Pericolo

Video del giorno

Draghi in Veneto, il rap dei ragazzi con le parole della Costituzione

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi