Contenuto riservato agli abbonati

La Marca piange don Antonio, il prete giusto. Per decenni la sua opera per i poveri e gli “ultimi”

Mercoledì a Crocetta del Montello l’addio a don Trevisiol, 62 anni di sacerdozio, per moltissimi anni cappellano del carcere di Santa Bona

TREVISO. È stato il prete degli ultimi e degli emarginati. Lui si adoperava per offrire un tetto e un pasto a tutti i disperati che bussavano alla sua porta. Don Antonio Trevisiol, 88 anni, è morto improvvisamente alla Casa del Clero di Treviso, dove si è era ritirato dal 2017, dopo 62 anni come sacerdote e parroco, ma soprattutto come cappellano alla Casa circondariale di Treviso.

Nato

Video del giorno

Draghi in Veneto, il rap dei ragazzi con le parole della Costituzione

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi