La tivù francese s’innamora di Treviso, la “piccola Venezia” sul Sile

Il primo canale d’Oltralpe dedica un servizio alle bellezze del centro storico nel tg di prima serata. Cicerone speciale Nicola Romano del centro nautico Canottieri Sile. Celebrati anche radicchio ed eccellenze gastronomiche

TREVISO. La telecamera si sofferma sulle acque del Sile, inquadra il Leone di San Marco e fa vedere in lontananza le Dolomiti.

L’emittente francese Télévision française 1, primo canale televisivo per ascolti in Francia, ha reso omaggio a Treviso ribattezzandola la “piccola Venezia” durante l’edizione del tg delle 20 andata in onda lo scorso lunedì 10 gennaio e condotta da Gilles Bouleau.

Il filmato, intitolato «Trévise la petite Venise», si sofferma sulle bellezze del paesaggio della Marca, senza dimenticare le eccellenze gastronomiche, a cominciare dal radicchio rosso Igp. La macchina da presa presenta il centro storico del capoluogo (in foto, il Calmaggiore), dalla statua della Teresona a palazzo dei Trecento, la vita sotto i portici, gli affreschi dell’Urbs Picta, le cupole del duomo, e celebra la prossimità di Treviso alla città lagunare dei dogi famosa in tutto il mondo.

A fare da cicerone alla troupe francese Nicola Romano, del centro nautico Canottieri Sile, intento a indicare i principali simboli della Serenissima presenti dentro le mura, prima di salire a bordo della sua canoa per raccontare Treviso attraverso le sue acque e la tradizione di navigarle dall’entroterra fino all’Adriatico.

Non mancano durante il tour gli aneddoti sulla Canottieri Sile, la più antica società sportiva di Treviso che dal 1908 accoglie persone di tutte le età desiderose di praticare canottaggio e voga alla veneta nel Parco del Sile.

Quindi uno stop per assistere alla raccolta del radicchio nella tenuta della famiglia Menegazzi, dove viene spiegata la particolare tecnica di lavorazione dell’ortaggio. Le gelate che trasformano la foglia da verde a rossa, l’immersione in acqua corrente per imbiancare il prodotto, la fase di toelettatura e il radicchio di Treviso è ponto.

«Viene venduto mediamente a 8 euro al chilo ed è conosciuto anche con il soprannome di fiore d’inverno per la stagione in cui viene raccolto e la procedura tipica con cui viene trattato prima di essere servito a tavola» spiega il filmato. Quindi la tappa all’osteria Alla Pasina a Dosson di Casier dove il patron Carlo Pasin descrive la ricetta del risotto al radicchio Igp, e prepara il piatto con l’aggiunta di salsiccia. Giusto il tempo di guarnire la portata con del radicchio tagliato fresco e di servire ai commensali.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Tombelle di Vigonovo, i soccorsi sul luogo in cui una bimba è stata investita dall'auto del padre

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi