Contenuto riservato agli abbonati

Castelfranco, imprenditori cinesi ricattati per soldi: quattro militari davanti al giudice

Un laboratorio cinese irregolare scoperto a suo tempo dalle forze dell’ordine

Denaro per chiudere un occhio su varie irregolarità. Brigadiere e tre colleghi accusati di concussione e falso

CASTELFRANCO. Il caso-Alù è approdato il 13 gennaio in udienza preliminare, davanti al giudice Marco Biagetti. L’inchiesta, che nel 2018 ha coinvolto penalmente a vario titolo quattro carabinieri della compagnia di Castelfranco e tre cittadini per i reati di concussione, falso, rivelazione di segreti d’ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità, ieri, per la prima volta è stata trattata in un’aula del tribunale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Quirinale, Mastella: "Belloni al Colle? È come se un portiere volesse fare il centravanti"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi