Furto con la tecnica dell’abbraccio, sgominata la banda che agiva a Treviso

Quattro persone sono state arrestate, hanno messo a segno tredici furti nel trevigiano tra il primo giugno e il 26 agosto del 2021

TREVISO. Un abbraccio, una stretta di mano, magari pure un bacio sulla guancia, e le mani che scivolano al polso, sulla nuca o nelle tasche. Un attimo di apparente affetto e gratitudine, e la vittima designata si trova senza orologio, collanina o gioielli. I carabinieri del Comando Provinciale hanno sgominato la banda che la scorsa estate ha messo a segno almeno 13 colpi nella Marca sfruttando la tecnica dell’abbraccio.

Treviso, presa la banda dei furti con l'abbraccio, ecco come agivano nel video dei carabinieri

Quattro persone sono state arrestate: Samuel Gheorghe (30 anni), Lidia Gheorghe (30), Leonard Stoian (28) e Bianca Dumitru (23); mentre due, al momento irreperibili, sono destinatarie del divieto di dimora in Veneto. Tutte sono di cittadinanza rumena. 

La banda aveva come base un b&b di Mestre, da cui la mattina partivano per mettere in atto i loro furti in tutta la provincia di Treviso. Individuavano la vittima tra tra le categorie più vulnerabili, in particolare quelle più anziane, e poi una donna entrava in azione.

Avvicinava la vittima con una scusa, come la richiesta di un’informazione o una proposta di lavoro, e poi, una volta conquistata la sua fiducia, la abbracciava o la toccava e le sfilava l’orologio, la catenina o altri gioielli.

I colpi sono tutti avvenuti tra il primo giugno e il 26 agosto, nei comuni di Castelfranco, Istrana, Paese, Montebelluna, Mogliano, Altivole, Volpago, Conegliano, Silea, Roncade, Nervesa e Oderzo. Oltre al furto, per due episodi dovranno rispondere di rapina: il 4 luglio a Roncade, quando hanno spinto la vittima che aveva provato a fare resistenza, facendola finire all’ospedale, e il 26 agosto a Castelfranco, quando, trattenendo l’anziano per un braccio, hanno minacciato di sparargli. 

«Le vittime sono i nostri nonni, i nostri genitori, i nostri zii. Questi colpi avevano generato grande allarme sociale», ha detto il comandante provinciale dei carabinieri Gianfilippo Magro.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Draghi in Veneto, il rap dei ragazzi con le parole della Costituzione

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi