In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
l’inaugurazione

Al Nightingale diventa realtà il terzo polo sportivo della città

Costo di tre milioni, quasi 400 posti a sedere, parquet multidisciplinare Marcon: «All’uso scolastico affiancheremo quello agonistico per le società»

Davide Nordio
1 minuto di lettura

CASTELFRANCO

Un’attesa durata anni, poi a tempo di record, meno di un anno, è diventata realtà: inaugurata ieri la palestra dell’istituto Nightingale, il terzo polo sportivo della città. Come ha sottolineato Stefano Marcon, nella duplice veste di presidente della Provincia e di sindaco di Castelfranco, si è concretizzato un esempio destinato a fare scuola nella Marca e la replica è già in corso a Vittorio Veneto: «La Provincia può soltanto provvedere a palestre ad uso scolastico: la convergenza di interessi con il Comune di Castelfranco ha permesso di ottenere un impianto aperto anche in orario extrascolastico e omologato dal Coni per le gare nazionali che permetterà di avere uno spazio per l’agonismo a beneficio delle società sportive cittadine».

Un’operazione da oltre 3 milioni di euro: 550 mila dal Comune, 1,8 milioni di fondi Miur e il resto finanziato con fondi propri della Provincia). I lavori, realizzati dalla ditta Dalla Libera di Castelcucco, assieme a Termoidraulica Sbrissa di Loria e Costruzioni Generali Basso di Paese, hanno visto anche la costruzione di una tribuna da 368 posti, assente nel progetto originario della Provincia, ma introdotta grazie all’accordo con il Comune. Tra gli intervenuti l’europarlamemtare Gianantonio Da Re, l’onorevole Sonia Fregolent, l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan, il delegato provinciale del Coni Mario Sanson.

«Siamo la regione che ha fatto nascere la settimana dello sport per le scuole - ha detto Donazzan - Questa realizzazione ci riempie d’orgoglio perchè è da qui che possono nascere grandi risultati sportivi». «La Provincia di Treviso - le parole di Sanson - è quella che ha più praticanti sportivi, con risultati e con più spazi nel Triveneto. Bisogna resistere e continuare per arrivare ad un vero rilancio dello sport che è mancato per ovvie ragioni in questo periodo».

Da parte della dirigente del Nightingale Mariella Pesce innanzitutto un ringraziamento a tutti gli istituti che finora hanno ospitato gli studenti per l’educazione fisica: «La scorsa estate siamo stati tutti travolti dall’entusiasmo, i tanti atleti che ci hanno fatto gioire in Italia ci hanno fatto capire l’importanza di fare squadra, l’impegno. E questi valori dovremmo continuare a mantenerli nella nostra vita. Il momento buio non dura per sempre, serve costanza». «Per anni abbiamo girato le palestre della città ed ora finalmente ne abbiamo una tutta nostra - ha aggiunto il rappresentante degli studenti Alessandro Zanon - Quest’opera ci insegna che anche nei momenti difficili si può costruire qualcosa di bello».

La palestra è stata studiata per essere ad uso polivalente: basket, volley, calcio a 5, ma anche pattinaggio artistico e atletica indoor. «Una struttura immediatamente usufruibile dalla scuola - ha concluso Marcon - mentre per quanto riguarda le società sportive sarà fatto un esame delle necessità». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori