Droga a Conegliano, “discarica” di siringhe usate sull’argine del Monticano

Una delle siringhe trovate sull'argine del Monticano 

I resti del passaggio degli eroinomani scoperti durante una camminata, il ponte sotto la Statale è un ritrovo per lo spaccio e il consumo  

CONEGLIANO. Il ponte sotto la statale Pontebbana a Campolongo è un'area di ritrovo di tossicodipendenti. Almeno cinque siringhe sono state ritrovate, nei giorni scorsi, lungo le sponde del Monticano. Ma sarebbero almeno qualche decina quelle abbandonate nelle ultime settimane.

La zona era già stata segnalata come rifugio di sbandati, che avevano creato anche dei giacigli di fortuna. In questi giorni sono state rinvenute delle siringhe infilate nel terriccio, avvisaglia di un passaggio di eroinomani. Non è una delle zona più frequentate sugli argini del fiume, proprio per la presenza di individui sgraditi, ma per oltrepassare a piedi la Pontebbana in viale Italia lontano dal traffico, per chi ama camminare nella natura, è un passaggio obbligatorio. Lì passano i coneglianesi che passeggiano nei camminamenti lungo il Monticano, e in questi giorni sono rimasti indignati nell'osservare quel degrado.

In passato siringhe erano state scoperte a Campolongo in parchi pubblici. Soggetti equivoci sulle sponde del Monticano e possibili scambi di sostanze stupefacenti erano stati segnalati anche vicino al ponte della nuova via Vespucci. La zona del fiume risulta un’area abbastanza lontana da occhi indiscreti per chi, purtroppo, vuole mettere in atto attività illecite.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi