Il ciclista Richardson tamponato da un furgone a Montebelluna e operato a Oderzo

Alexandar John Richardson dell'Alpecin-Fenix

L’incidente il 28 dicembre durante allenamento: il britannico dell'Alpecin-Fenix aveva riportato fratture a spalla e piede. Sta bene ed è già stato dimesso

ODERZO. Il britannico Alexandar John Richardson, dell'Alpecin-Fenix, è stato operato il 30 dicembre per una frattura alla spalla sinistra nell'Ortopedia di Oderzo, dopo che due giorni prima, mentre si allenava nei pressi di Montebelluna, era stato tamponato da un furgone.

Caduto a terra, Richardson ha riportato un trauma alla spalla e al piede sinistro.

Trasportato nel pronto soccorso di Montebelluna, gli sono state diagnosticate la frattura scomposta della clavicola sinistra e quella composta del piede sinistro.

È quindi stato trasferito a Oderzo per l'intervento alla spalla, mentre per il piede è stata sufficiente la gessatura.

«Le fratture alla clavicola»,  afferma Enrico Rebuzzi, direttore dell'Ortopedia di Oderzo, «sono abbastanza comuni nei ciclisti e non sempre vengono operate, data la loro tendenza a guarire bene. La frattura frammentata e scomposta riportata da Richardson, però, non era tra le più comuni. Si è trattato di un intervento delicato e non privo di rischi. All'atleta è stata applicata una placca in titanio pre-modellata. L'intervento è ben riuscito e non ci sono stati problemi. Il paziente è stato dimesso la mattina dopo in buone condizioni ed è tornato in Inghilterra". 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giro d'Italia 2022 a Treviso. Ecco dove arriverà lo sprint e il toto tappa

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi