In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Vittorio Veneto, veglia degli alpini e stele in memoria di Dario Comarella: è la numero 2.406

La sezione Ana vittoriese ha organizzato a Cison un raduno di Natale, per celebrare una penna nera di Valdobbiadene morta a 22 anni nel 1974

Francesco Dal Mas
2 minuti di lettura

La cerimonia dell'Ana al Bosco delle Penne Mozze di Cison, il 24 dicembre

 

VITTORIO VENETO. La suggestiva cerimonia di accensione del ceppo, che da 23 anni ha luogo nel tardo pomeriggio della vigilia di Natale al Bosco delle Penne Mozze di Cison di Valmarino, si è arricchita quest’anno del gesto con la scopertura dell’ultima stele collocata in memoria della Penna Mozza Dario Comarella da Valdobbiadene. 

«Sono sempre più numerosi gli Alpini ed Amici che vivono la Veglia di Natale, un incontro che non si identifica con i tradizionali momenti della cerimonia alpina. Solo l’alza e l’ammaina bandiera ne hanno evocato gli atti protocollari formali. Poi su tutto e su tutti è sceso tanto, tanto silenzio, durante il quale sono state proposte due letture di brani in tema con il Natale intervallate dalle melodie vocali del Coro ANA Sezionale di Vittorio Veneto – scrive l’Ana di Vittorio Veneto –  l’accensione del ceppo ha poi idealmente rappresentato, con la vitalità delle lingue del fuoco che si propagavano dal braciere, il simbolo della vita che si ravviva per le 2.405 Penne Mozze. Ora vi è una stele in più, la n. 2.406».

La nuova stele è dedicata all’alpino Dario Comarella, nato a Valdobbiadene nel 1952, arruolato alla fine del 1972 nel Battaglione Tolmezzo dell’8° Reggimento Alpini. Per aver contratto un’inguaribile malattia durante la naja, è deceduto nel 1974 per infermità dipendente da causa di servizio. Per gli Alpini trevigiani una Penna Mozza da ricordare al Bosco.

La stele in memoria di Dario Comarella

 

Attorno alla ceromonia hanno partecipato i familiari, Severino Guizzo un suo amico commilitone che ha condiviso il breve servizio nella caserma di Venzone, il presidente dell’Ana Sebastiano Favero, il presidente della seziona Ana di Valdobbiadene Massimo Burol ed il sindaco di Cison di Valmarino Cristina Da Soller.

«Al canto del brano Signore delle Cime, con tanta emozione, il presidente nazionale dell’Ana ed il commilitone Severino Guizzo hanno levato il tricolore che la ricopriva, così da ora la stele dedicata a Dario Comarella lo identificherà per sempre in questo memoriale – fa sapere l’Ana – ha fatto seguito una riflessione liturgica, la preghiera e la benedizione rese dal Parroco di Cison di Valmarino Don Luca Maria Bronzini. Il presidente della sezione Anadi Conegliano ha recitato la Preghiera dell’Alpino succeduta dal suono del Silenzio d’Ordinanza e dai rintocchi della campana Votiva che hanno fatto eco nella valle di San Daniele suscitando ancor più emozione nei partecipanti».

L’incontro si è concluso con il saluto augurale del Presidente Nazionale dell’Ana Sebastiano Favero che ha esortato le penne nere a mantenere viva la propria identità nei vari modi con cui essa si esprime, ancor di più in questo momento di particolare difficoltà nelle relazioni interpersonali causate dall’emergenza sanitaria. Il brindisi augurale, gestito nel pieno rispetto della normativa vigente, ha concluso l’evento al quale hanno partecipato, oltre alle sezioni Ana di Vittorio Veneto, Valdobbiadene, Treviso e Conegliano, anche quelle di Venezia, Marostica e Belluno con i propri vessilli. Il ceppo ha vegliato con il suo ardore la notte di Natale al Bosco delle Penne Mozze.

I commenti dei lettori