Conegliano, festa al bar. Centinaia di giovani senza mascherina

Festa per la fine della scuola a San Pio X. Il tam tam online ha richiamato centinaia di giovani, il risultato: assembramento, con molti senza mascherina

CONEGLIANO. Si è riempita la strada e anche il piazzale della chiesa, per la “Festa studentesca” e l’aperitivo mattutino il 23 dicembre a San Pio X. Un evento che ha richiamato centinaia di ragazzi, per celebrare il termine della scuola, a bicchierate di spritz, birra e alcolici a mezzogiorno. Distanziamento zero, nessuna mascherina, alcolici che sarebbero stati servizi anche a minorenni, è stata una festa senza regole, nel pieno del ritorno dei contagi. Compresi i video goliardici con bestemmie urlate davanti alla chiesa. L’evento si è svolto all’esterno del bar “Al Pio X”, con all’interno il dj set.

Il ritrovo è stato alle 11 del mattino, dopo che nei giorni precedenti il tam tam è girato attraverso i social. Zaino in spalla, terminate le lezioni, bicchiere in mano e balli in mezzo alla strada e sui tavoli. Alcuni residenti hanno chiesto l’intervento della polizia locale, che è arrivata sul posto.

«I controlli ci sono», spiega il comandante della municipale, Claudio Mallamace. «Manca senso di responsabilità da parte di alcuni e poi lo si rischia di pagare tutti». Lo stesso bar “San Pio X” ha postato i filmati con le bottiglie d’alcolici. E le video-storie su Instagram hanno incominciato a girare, facendo rimanere perplessi i gestori di altri locali.

Nel giorno in cui il governo ha vietato le feste all’aperto e per gli eventi messo l’obbligo del tampone, ieri a Conegliano si è assistito a scene da periodo pre Covid. I video sono diventati virali.

«La situazione Covid sta peggiorando, i festeggiamenti li abbiamo fatti anche noi alla loro età, ma visto il periodo bisognerebbe festeggiare in sicurezza», dichiara l’assessore all’Istruzione e ai Giovani, Gianbruno Panizzutti. «Capisco la voglia di fare festa, immagino che con le festività vi saranno altri eventi. Bisogna pensare inoltre alla sicurezza e al rispetto dei familiari, per i loro genitori e nonni, i ragazzi dovrebbero porre attenzione».

Lo scorso marzo il bar San Pio X era stato segnalato alla Prefettura. I carabinieri avevano evidenziato l’assembramento al bancone e gli alcolici serviti a minorenni e per questo imposto lo stop di cinque giorni. «Lì vicino ci sono tre istituti superiori, quel bar è strategico», osserva l’assessore all’istruzione. «Si auspica che non vi siano assembramenti, vista la situazione. Io non ero lì, la speranza è che vi sia anche buon senso». “Locale sanificato, indossa sempre la mascherina”, è la descrizione sui social del bar San Pio X. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi