Contenuto riservato agli abbonati

Treviso, i contagi Covid spaventano le case di riposo: tornano le stanze degli abbracci

Natale blindato nelle strutture per anziani: vietate le uscite domiciliari e le visite di under 12. All’Israa i familiari fanno i “controllori”

TREVISO. Abbracciati, ma separati da una tenda di plastica. È la fotografia del Covid, della sua letalità nelle case di riposo e della solitudine che ha innescato. Una fotografia che era già stata consegnata alla storia. Troppo presto. Le stanze degli abbracci stanno tornando.

Con i contagi che hanno ripreso a galoppare, le case di riposo si stanno blindando. Le limitazioni imposte per le festività dall’ordinanza firmata giovedì dal presidente della regione Luca Zaia hanno già dato una prima stretta, ma nel trevigiano, dove i dati spaventano, i presidenti e i direttori delle Rsa stanno pensando ad inasprire le misure.

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi