Contenuto riservato agli abbonati

Treviso, oltre 300 ricoveri per Covid: l’Ulss taglia i servizi non urgenti

L'ospedale di Vittorio Veneto, diventato Covid Hospital

In provincia di Treviso continuano a crescere i ricoveri per Covid. Annunciato l’accorpamento di reparti all’ospedale di Montebelluna. Altri 50 posti al San Camillo, pazienti di Vittorio Veneto dirottati su Conegliano

TREVISO. Sempre sopra i 300 ricoverati a causa del coronavirus in provincia di Treviso, la rete ospedaliera della Marca rivede la funzionalità di alcuni reparti a discapito delle prestazioni non urgenti.

Venerdì 17 dicembre l’annuncio dell’accorpamento di chirurgie e otorinolaringoiatria (Orl) all’ospedale di Montebelluna: 30 letti verranno mantenuti per l’attività chirurgica in un unico blocco, mentre altri 20 letti verranno destinati ai pazienti virus positivi.

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi