Contenuto riservato agli abbonati

Esplosione nell’azienda di Vedelago, il titolare: «Mai visto niente di simile in 53 anni di lavoro»

Dino Duso: «L’importante è che nessuno si sia fatto del male, i capannoni si possono ricostruire»

VEDELAGO. «In cinquantatré anni non ho mai visto una cosa del genere»: Dino Duso, 73 anni, fondatore della Rossl&Duso di Vedelago, non riesce ancora a credere ai proprio occhi di fronte a quanto accaduto in un capannone dell’azienda di via Monte Grappa leader mondiale nel settore metallurgico.

Ma anche di fronte ad una infrastruttura sventrata, con danni che si prevedono elevati (nel pomeriggio di ieri non era stato ancora possibile quantificarli, in quanto interdetta tutta l’area dove è avvenuta l’esplosione) prende la cosa con filosofia: «l’importante è che non si sia fatto male nessuno, che nessuno sia stato a rischio: i capannoni si possono sempre ricostruire, le attrezzature ricomprare».

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi