In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Si veste da vigile per entrare nelle case di Ponzano, ladro in divisa messo in fuga

Con un finto tecnico è riuscito a farsi aprire le porte di una casa in via della Costituzione. Il sindaco: «Segnalate subito»

Federico Cipolla
2 minuti di lettura

PONZANO. La divisa può aprire diverse porte. Compresa quella di un residente di via della Costituzione a Ponzano, che, rassicurato dagli abiti da vigile urbano, ha fatto entrare in casa un ladro.

A Ponzano è scattata la caccia ai due malviventi che si fingono tecnico del servizio idrico e agente di polizia locale. La divisa potrebbe provenire da una colpo messo a segno in una stazione di polizia locale del veneziano alcuni mesi fa.

Il modus operandi è quello già sperimentato altrove. L’uomo, che indossa la divisa della polizia locale, ha suonato il campanello dell’abitazione di via della Costituzione. Con lui un sedicente operatore del servizio idrico, che ha riferito al malcapitato di turno di dover eseguire dei controlli sui rubinetti.

Rassicurato dalla divisa, l’uomo non ha avuto remore a far entrare i due. Solo quando ha visto che si aggiravano in tutte le stanze della casa e che i controlli erano decisamente superficiali, ha capito che qualcosa non tornava.

Ha prima provato a chiedere chi fossero veramente i due, poi di fronte alle risposte stentate, si è messo a urlare. Ai due non è rimasto altro da fare che darsi alla fuga, senza essere riusciti a portare via nulla.

«Bisogna sempre prestare attenzione, e in questo periodo dell’anno ancora di più», sono le parole del sindaco di Ponzano Antonello Baseggio. «In questo caso, se sono vestiti da vigile, può essere sufficiente anche controllare con quale mezzo sono arrivati. Fuori ci dev’essere l’auto della polizia locale. Sappiamo che qualche mese fa è stato messo a segno un colpo nel veneziano in cui sono state rubate delle divise della polizia locale, bisogna prestare massima attenzione».

Con il ridursi delle ore di luce, anche quest’anno sono tornati i furti nelle abitazioni. Martedì i ladri sono entrati in azione in via del Gobbato. Sono riusciti a forzare, forse con un cacciavite, la finestra di un’abitazione. Una volta all’interno sono andati a caccia di contanti e oro, senza riuscire però a trovare nulla per il loro bottino. Altri colpi sono stati segnalati a Lancenigo.

«Abbiamo iniziato già con i turni serali della polizia locale, e abbiamo la collaborazione dei carabinieri che sono spesso sul territorio. Sappiamo che questo è il periodo più critico dell’anno; i ladri agiscono in particolar modo tra le 17 e le 19, quando il sole è già calato e le persone sono ancora al lavoro», aggiunge Antonello Baseggio.

«È importante che colpi e movimenti sospetti vengano denunciati e segnalati immediatamente, per dare modo alle forze dell’ordine di intervenire». Soprattutto nelle strade meno frequentate e nei quartieri residenziali, i colpi sono quotidiani in questo periodo in molti comuni della Marca.

Il controllo del vicinato, che proprio a Ponzano e a Povegliano, ha visto nascere i primi esperimenti, ha attenuato il fenomeno in alcune zone particolarmente colpite, ma di certo non può bastare.

I commenti dei lettori