Conegliano, coppia perseguitata dai ladri: si portano via anche le protesi acustiche

I coniugi Luisella Grillo e Romeo Tonon

Marito e moglie che vivono nella zona Stadio hanno dovuto fare i conti più volte con le incursioni dei malviventi. L’ultima mercoledì primo dicembre, quando i ladri hanno disattivato anche la telecamera di videosorveglianza 

CONEGLIANO. I ladri hanno disattivato la telecamera di videosorveglianza e scassinato la porta d'ingresso, tentando di rovistare in casa in pieno giorno. Il blitz si è verificato in via Martiri della Libertà, in zona stadio, dove risiede un'ex candidata consigliera comunale, Luisella Grillo, insieme al marito Romeo.

La coppia si sente presa di mira. Hanno già subito altri furti in questi sei anni che abitano lì. Erano stati rubati da vestiario a cibo, ma anche gli auricolari che servono al marito per l'udito, protesi acustiche dal valore di migliaia di euro. Mercoledì, verso mezzogiorno, i malviventi non hanno portato via nulla di prezioso perché non hanno fatto in tempo a mettere a soqquadro la casa, probabilmente perché disturbati dal ritorno della coppia per pranzo. «Abbiamo trovato la porta scassinata, la telecamera che abbiamo non ha funzionato, come fosse stata disattivata», racconta Luisella Grillo, che nel 2017 fu candidata alle comunali con il gruppo “Progettiamo Conegliano”.

Luisella Grillo mostra la porta forzata dai ladri

«Abbiamo fatto varie segnalazioni alle forze dell'ordine per episodi simili in passato – spiega -. Ho avvisato anche il sindaco per l'episodio di ieri. Non mi aspetto una risposta immediata, ma vogliamo segnalare che girano balordi nella zona. In passato qui sulla stradina accanto avevamo ritrovato anche delle siringhe. La polizia ci ha consigliato di segnalare se vediamo gente estranea».

La coppia si sente in ansia, nel quartiere in passato si erano verificate altre intrusioni a tutte le ore. «Anche da noi sono entrati in casa altre volte in questi anni, mi erano stati rubati anche gli auricolari – aggiunge il marito -. Una volta ci avevamo rubato perfino dei documenti, non abbiamo capito nemmeno noi perché, con quale scopo».

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi