Treviso, l’Ulss denuncia: «No vax in coda ai centri vaccinali per rallentare gli altri»

Coda per i vaccini all'ex Maber di Villorba

Il dg Benazzi: «Tempestano di domande gli infermieri e se ne vanno senza vaccinarsi, solo per rallentare la somministrazione delle dosi». E intanto l’Ulss trevigiana potenzia Covid point e Vax point

TREVISO. La tattica è ormai ben collaudata. Entrano al centro vaccinale, prendono posto e quando arriva il loro turno, iniziano a “tempestare” il medico in servizio con domande e commenti. E intanto il tempo scorre, la coda s’ingrossa e la filiera di somministrazione dell’anti-Covid si inceppa.

«Capita tutti i giorni» sospira il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi. «In tutti i nostri Vax Point abbiamo quotidianamente tre, quattro persone, che adottano questa tecnica: arrivano e iniziano a sciorinare richieste al personale sanitario impiegato nella profilassi. Fanno perdere minuti preziosi e poi prendono e se ne vanno, senza aver effettuato l’inoculazione, talvolta sbraitando, lamentandosi e ribadendo la loro contrarietà alla vaccinazione» riporta il dg.

Il fenomeno, si registra ormai da qualche tempo, e riguarda tutti i centri vaccinali della nostra provincia. E se questo accade all’interno delle sedi, non va meglio all’esterno, dove la domanda di tamponi e profilassi sta salendo vertiginosamente.

CODE AI VAX POINT

Quasi 14 mila prestazioni al giorno, suddivise fra somministrazioni di vaccini anti-Covid e tamponi. Mai così tanti da inizio pandemia. E mai come ora i Vax Point e i Covid Point della provincia di Treviso sono sotto pressione. Ovunque lunghe code di utenti in attesa per ottenere la profilassi o sottoporsi al test.

Persone in coda all'ex Maber di Villorba

Ieri mattina al Covid Point di Altivole più di trecento auto in attesa per lo screening drive-in, tanto che è dovuta intervenire una squadra di agenti della polizia locale per regolare l’ingorgo. «Non avevamo mai visto un simile afflusso di persone prima d’ora per sottoporsi al tampone, nelle precedenti ondate pandemiche ne facevamo 5 mila al giorno, ora siamo sopra i 7 mila» ha ribadito Benazzi.

Code per i tamponi ad Altivole, martedì 1° dicembre

Inoltre, il Covid Point dell’aeroporto di Treviso che monitora i viaggiatori in arrivo, verrà portato ben presto all’interno dello scalo.

LE NUOVE APERTURE

A pesare è anche l’aumento della domanda di terze dosi vaccinali. Da oggi i Vax Point della provincia di Treviso passano da cinque a sei grazie all’attivazione del Punto vaccinale allestito nell’ex scuola elementare di Sant’Apollinare, in via Malombra ad Asolo. «Il nuovo Vax point rimarrà aperto tutti i giorni, festivi compresi, dalle ore 8 alle 20» fa sapere l’autorità sanitaria.

Oltre ad esso sono operative queste sedi vaccinali: Nido integrato “La Tartaruga” in via Fogazzaro a Vedelago, tutti i giorni dalle 8 alle 20. Campo Fiera a Godega di Sant’Urbano, tutti i giorni dalle 8 alle 20. L’ex Maber a Castrette di Villorba tutti i giorni (8-20), la casa di riposo Luigi e Augusta a Roncadelle di Ormelle (8-20) e la Casa di cura Giovanni XXIII di Monastier dal lunedì al sabato (8-13).

L’autorità sanitaria sta lavorando con il Comune per installare il presidio, mentre continua la ricerca di una nuova sede da aprire nel distretto di Pieve di Soligo. In fase di definizione anche l’accordo con i pediatri per immunizzare i minori tra i 5 e i 12 anni, creando una linea vaccinale dedicata nei Vax Point, a partire dal De Gironcoli di Conegliano.

Coda per la terza dose all'ex Maber di Villorba

SERVIZI SUL TERRITORIO

Per tamponare la situazione l’Ulss 2 ha potenziato, laddove possibile, i Covid Point aumentando il personale impiegato e la logistica. Da martedì prossimo verrà attivato anche il Punto tamponi drive-in al Melodi di Castelfranco. In Dogana a Treviso il servizio è stato portato a 3.000 tamponi al giorno: il massimo delle capacità della struttura.

Alla Zoppas Arena di Conegliano e all’ex Velo di Altivole non avendo margini per incrementare l’attività, l’Ulss 2 non ha potuto fare altro che collaborare con le amministrazioni comunali per regolamentare il traffico. Al Covid Point dell’ex Maber a Castrette di Villorba la struttura opera con due corsie, una per lo screening e una per le vaccinazioni anti-Covid.

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi