Treviso, stadio di Monigo tappezzato di scritte No vax

Le scritte comparse martedì 30 novembre allo stadio di Monigo

Nella notte tra lunedì e martedì mattina, 30 novembre, l’esterno dello stadio di Monigo, tempio del rugby, è stato preso di mira dal movimento No vax, con una serie di scritte contro i vaccini e il Green pass lungo il perimetro dell’impianto

TREVISO. Nel mirino dei No vax trevigiani finisce, stavolta, lo stadio di Monigo, tempio del rugby. Martedì mattina i trevigiani hanno trovato il muro perimetrale dell’impianto completamente rivestito di messaggi anti vaccinisti, con scritte contro il governo e il Green pass, e molti degli slogan che si sentono durante le manifestazioni della galassia negazionista e complottista.  

Le scritte comparse martedì 30 novembre allo stadio di Monigo

Non è un caso che nel mirino dei No vax sia finito proprio lo stadio di Monigo. La settimana scorsa, infatti, le autorità cittadine avevano vietato il corteo in centro chiesto per domenica 28 novembre dagli organizzatori, offrendo loro la possibilità di una manifestazione statica nel piazzale dello stadio. Un’offerta rispedita al mittente, tanto che la manifestazione venne annullata. 

Ora saranno visionate le telecamere di videosorveglianza della zona per identificare i responsabili delle scritte. 

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi