L’Unione dei Comuni della Marca Occidentale si candida a far parte del progetto Grande Treviso

L'accordo d'intesa siglato tra i sindaci nel 2015 che ha dato vita all'Unione

È una posizione corale, quella dei quattro sindaci dell’Unione che riunisce i Comuni di Vedelago, Riese Pio X, Resana e Loria: la proposta del sindaco di Treviso, Mario Conte, «s’ha da fare»

TREVISO. L’Unione dei Comuni della Marca Occidentale si candida a far parte del progetto Grande Treviso. E’ una posizione corale, quella dei quattro sindaci dell’Unione dei Comuni della Marca Occidentale che riunisce i Comuni di Vedelago, Riese Pio X, Resana e Loria: la proposta del sindaco di Treviso, Mario Conte, di creare una Grande Treviso “s’ha da fare”.

Spiegano i quattro sindaci, Matteo Guidolin, Stefano Bosa, Simone Baggio e Cristina Andretta: “L’Unione si candida per essere partner della Grande Treviso, un progetto che è assolutamente nelle corde del nostro ente associativo.

Cinque anni fa nasceva il nostro progetto su piccola scala con lo scopo di condividere non solo servizi, ma anche e soprattutto visioni, scopi e funzioni in maniera sinergica. Già allora coltivavamo il sogno che la nostra esperienza potesse essere la premessa per qualcosa di più esteso ed ora i tempi sono maturi.

Ci troviamo in un momento storico epocale in cui mai come prima è fondamentale fare squadra. Ce lo ha ricordato qualche giorno fa il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al congresso nazionale dell’ANCI a Parma e ce lo conferma la grande sfida del PNRR, con le ingenti risorse che presto arriveranno nei nostri territori. Solo l’unione, la sinergia, la capacità di pensare in termini extracomunali ci permetterà di affrontare le prossime sfide in maniera costruttiva.

L’Unione dei Comuni della Marca Occidentale in questi anni è riuscita a seminare e a lavorare affinché un territorio di quasi 46mila abitanti potesse essere amministrato in maniera uniforme, pur conservando le peculiarità di ciascun Comune. Ora vorremmo che questo progetto potesse espandersi, su più ampia scala.

Per questo, come Unione, siamo pronti a sederci al tavolo con Treviso, condividendo progetti ed offrendo la nostra esperienza come partner naturale che ha già una un‘esperienza di forma associata”.

“Esprimo soddisfazione per l’adesione dell’Unione dei Comuni della Marca Occidentale, che ha accolto con entusiasmo l’appello a fare squadra e aver condiviso una visione chiave che in questo momento caratterizza il futuro della comunità”, le parole del sindaco di Treviso e Presidente di Anci Veneto Mario Conte. “Progetti come questo, anche grazie alla Regione Veneto che rappresenta il centro di coordinamento di queste importanti sinergie fra municipalità, possono non solo portare fondi per implementare i servizi esistenti secondo standard avanzati ma anche creare nuove opportunità per i territori, esaltando le caratteristiche e le peculiarità dei singoli Comuni. Fare massa critica rappresenta dunque un atto di responsabilità nei confronti dei cittadini, ai quali vanno garantiti servizi efficienti”.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Draghi in Veneto, il rap dei ragazzi con le parole della Costituzione

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi