Contenuto riservato agli abbonati

Intascò le caparre dei camp estivi per i giovani calciatori: condannato a quattro mesi

Mogliano, l’allenatore castellano Ivan Pasqualotto dovrà ora risarcire le famiglie dei bambini che anticiparono 20 mila euro

MOGLIANO. Si era intascato le caparre di decine di prenotazioni per un campo estivo di giovani calciatori che avrebbe dovuto tenersi nella località di Forni di Sopra, per un importo di circa 20. 000 euro.

Ivan Pasqualotto, 45enne castellano, è stato condannato ieri a 4 mesi e 10 giorni di carcere per appropriazione indebita. La pena è stata sospesa a una condizione: l’uomo, entro sei mesi, deve risarcire le parti civili, vale a dire otto famiglie della ProMogliano e del Preganziol che si erano costituite e avevano ingaggiato l’avvocato Giorgio Gargano di Venezia per riavere quanto pattuito.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Trentanove arresti, smantellata la nuova Mala in Veneto: il video del blitz a Mestre

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi