Contenuto riservato agli abbonati

Oderzo, l’ultimo giocattolaio lascia il Torresin

Giuseppe Ceron e Marina Davi dietro alla loro bancarella nei pressi del Torresin

Il 20 ottobre primo mercato senza la caratteristica merce di Giuseppe Ceron che ha accompagnato la città per decenni. «Mi mancheranno i sorrisi dei bambini»

ODERZO. Quello di mercoledì 20 ottobre è il primo mercato da 48 anni a questa parte che inizia senza i giocattoli. La bancarella di Giuseppe Ceron e Maria Davi non c’è più e il suo posto, quello fra via Umberto I e il Torresin, da oggi verrà occupato dal vestiario di Sante Luvisotto che per diciotto anni è stato il loro dirimpettaio.

«È

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Portuale di Trieste manifestava contro il Green Pass, ora è intubato: "Ho i polmoni distrutti"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi