Guerra delle bollicine, Coldiretti Treviso e Consorzio Agrario fanno causa al Prosek

Le due associazioni hanno incaricato l’avvocato Antonio Pavan di tutelare la denominazione protetta “Prosecco” contro l’insidia rappresentata dal Prosek croato

CONEGLIANO. L’offensiva contro il riconoscimento da parte della Commissione Europea della denominazione Prosek croato entra nel vivo. Dopo le iniziative del Governo e degli altri enti isituzionali a tutela del Prosecco, ora tocca alle associazioni di categoria. 

La Coldiretti Treviso, presieduta da Giorgio Polegato, e il Consorzio Agrario di Treviso e Belluno hanno affidato mandato all’avvocato trevigiano Antonio Pavan perché presenti opposizione alla Commissione Europea entro la fine di novembre contro il contestato riconoscimento. Questo sulla base dei precedenti della Corte di Giustizia UE.

"L’opposizione farà leva su tutta una serie di precedenti giurisprudenziali, come il caso Gorgonzola vs. Cambozola (C 87/97) – evidenzia l’avvocato Pavan – per mettere in luce l’importanza della tutela dei regimi di qualità nel contesto europeo, come strumento di protezione non solo dei produttori locali ma anche della cultura e dell’identità di un territorio, oggi protetto anche dall’Unesco”.

Video del giorno

Covid, identikit di Omicron: la variante sudafricana con 32 mutazioni

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi