Contenuto riservato agli abbonati

Green pass, la protesta di un impiegato trevigiano: «Follia pagare per lavorare. Farò solo un test a settimana»

La storia di un impiegato trevigiano contrario al “certificato verde”. «Quando sarò scoperto dal tampone resterò a casa senza stipendio»

TREVISO. Il Green pass non lo convincerà a vaccinarsi, anzi. Si sottoporrà a tampone una sola volta a settimana e quando non sarà coperto dal test negativo rimarrà a casa, senza stipendio. Una battaglia di principio, quella di un impiegato trentacinquenne di una grossa azienda della Sinistra Piave che da venerdì si troverà alle prese con l’obbligo di Green pass. Ha chiesto all’azienda di poter operare in smart working, ma gli è stato negato.

Lei

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, identikit di Omicron: la variante sudafricana con 32 mutazioni

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi