Contenuto riservato agli abbonati

Il caso a Treviso: il colonnello non vende casa e blocca la nuova stazione

Da anni il pensionato tiene inchiodato il progetto della Mom che prevede l’abbattimento dell’ex Cuor e degli edifici su un lato di via Pinelli

TREVISO.  Da quando Mobilità di Marca, la Mom, ha bussato alla sua porta, lui resiste. I due appartamenti di cui è proprietario in via Pinelli sono determinanti per il progetto della nuova stazione delle corriere ma lui, di vendere, in particolare al prezzo offerto dalla Mom, non ne ha alcuna intenzione.

Il colonnello Giancarlo Felici, in pensione, presidente dell’associazione nazionale dei carabinieri, non arretra di un centimetro e, al momento, ha bloccato i piani di Mobilità di Marca per abbattere tutto il blocco di edifici su un lato di via Pinelli appunto per costruire, a ridosso della ferrovia, la nuova stazione per le corriere lasciando l’area dell’ex Siamic, in Lungosile Mattei.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi