Covid, si allarga il focolaio tra vendemmiatori di Prosecco a Valdobbiadene: due positivi in più

Cluster nell’azienda agricola Marsura di Valdobbiadene: salgono a quattro i positivi, resta grave in terapia intensiva una delle operaie addette alla raccolta

VALDOBBIADENE. Si allarga il “focolaio del Prosecco”. Sui 19 tamponi effettuati martedì 5 ottobre, 13 dei quali su lavoratori rumeni e il resto su titolari e familiari, l’Ulss 2 ha trovato quattro positivi, due dei quali sono nuovi contagi (entrambi lavoratori) e due sono conferme di positività tra i familiari dei titolari.

E’ il bilancio aggiornato del focolaio Covid all’interno dell’azienda agricola Marsura di Valdobbiadene, dove il virus ha fatto breccia tra gli addetti alla raccolta con esiti tragici. A preoccupare, infatti, non è tanto la vastità del cluster, tutto sommato circoscritto, ma la gravità dei contagiati. Una donna di 48 anni, arrivata in pullman dalla Romania assieme a un gruppo di connazionali, è morta dopo alcuni giorni di sintomi particolarmente violenti. La compagna di stanza è ancora ricoverata in terapia intensiva al Ca’ Foncello in condizioni disperate.

 «Si sono invece già negativizzati due lavoratori positivi al precedente tampone» informa l’azienda sanitaria. «Attualmente, considerando anche la lavoratrice ricoverata in terapia intensiva, i positivi sono quindi cinque. Il prossimo screening è previsto per lunedì 11 ottobre».

La donna deceduta e la sua compagna ricoverata non erano vaccinate. L’Ulss ha invitato a più riprese le comunità straniere a vaccinarsi nel Vax Point allestiti in tutta la provincia. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Trentanove arresti, smantellata la nuova Mala in Veneto: il video del blitz a Mestre

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi