Cadore Mare, le buche richiedono interventi immediati a Fontanelle

Dopo l’abbassamento del limite di velocità a 50 km/h la Provincia promette: «Ripristiniamo le manutenzioni»

FONTANELLE

«Dovremo riprendere con le manutenzioni». Il presidente provinciale Stefano Marcon sa bene quali siano le condizioni della Cadore Mare, la provinciale che collega Postumia e Pontebbana, dove da più di un anno nessuno interviene. È da allora che il Sant’Artemio ha avviato il procedimento per trasferire l’Sp15 a Veneto Strade, ma la situazione non si è sbloccata. È stato questo blocco a peggiorare sensibilmente le condizioni del manto stradale specie nel tratto fontanellese, tanto che nel rettilineo che collega Cimetta a Fontanelle Chiesa il limite è stato appena abbassato da 70 a 50 orari: «Ma ora dovremo riprendere le manutenzioni che avevamo sospeso. Quando cederemo la strada agli enti superiori dovremo fare qualche conto, ma è fondamentale eseguire le manutenzioni», prosegue il presidente Marcon.


La Provincia, che non naviga nell’oro, aveva deciso di sospendere gli interventi contando che il processo che avrebbe consegnato la strada alla Regione non sarebbe durato più di pochi mesi. Non è andata così: la situazione è ferma dalla primavera dell’anno scorso e continuare a non fare le manutenzioni metterebbe a rischio la sicurezza dei cittadini. Per questo la Provincia ha promesso al Comune di Fontanelle che eseguirà a breve alcuni lavori in centro e all’altezza di Fontanelle Chiesa, dove la traiettoria seguita da camion e auto è oggi talmente “scavata” da rendere non del tutto agevole l’attraversamento ai pedoni.

L’accordo preliminare formalizzato dalla Provincia attende una risposta, e nel frattempo sarà il Sant’Artemio a doversi sobbarcare i costi delle manutenzioni. La Provincia non vuole perdere i fondi che andrà a investire, ma Marcon sottolinea come l’ente abbia ripreso a impegnare risorse crescenti sulle manutenzioni: «Abbiamo pagato dazio nei primi anni, ma ora le manutenzioni sono riprese in tutta la Marca e abbiamo investito sulla viabilità con diversi bandi. La Cadore Mare è ammalorata: per questo interverremo assolutamente, e poi ci siederemo a un tavolo con gli enti superiori per fare i conti di quanto avremo speso», promette Marcon, che non ha intenzione di aspettare il passaggio di consegne della strada per rimetterla in sicurezza. Il rettilineo di due chilometri che collega Fontanelle a Codognè, passando davanti alle cantine Maschio e Castagner, ha problemi da tempo immemore. I primi cedimenti strutturali si verificarono già a pochi anni dalla sua costruzione, e oggi la parte più vicina a Codognè presenta un fondo che in parte ha ceduto. Per questo il limite è stato abbassato a 50 orari. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crozza: "Renatino lavora 365 giorni l'anno? O si è comprato il caseificio o spot è ammissione di reato"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi