Contenuto riservato agli abbonati

Ottantamila uova conservate in modo irregolare: scatta il maxi-sequestro Nas nell’azienda agricola di Pieve di Soligo

Tutti prodotti sequestrati e messi a disposizione del ministero della Salute che dovrà decidersi sulla loro sorte. Il valore delle uova poste sotto sequestro si aggira sui 18.000 euro

PIEVE DI SOLIGO. Blitz dei carabinieri del Nas, tre giorni fa, in una grossa società agricola di Pieve di Soligo che ha la propria sede principale in provincia di Ravenna. Nel mirino dei controlli dei militari del Nucleo antisofisticazioni e sanità è finita una grossa partita di uova: 75.600 per la precisione. Il motivo? Le uova erano state immagazzinate in promiscuità, tra integre e danneggiate, in violazione dei requisiti in materia di igiene stabiliti dai regolamenti della Comunità Europea.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Vinitaly, il vino al supermercato cresce. Romano (Iri): "Ma attenzione a non alzare troppo i prezzi"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi