In sette giorni un daspo 14 convocati e 2 segnalati

TREVISO

In una settimana una denuncia, un daspo urbano, due segnalazioni alla prefettura, e 14 convocazioni al comando di via Castello D’amore. E’ il bilancio della polizia locale nell’ultima settimana di lotta ai bulli. Per le risse di sabato scorso, le immagini raccolte attraverso le bodycam degli agenti hanno permesso di individuare quattro responsabili degli scontri. In particolare un 21enne residente a Cornuda dovrà presentarsi al Comando con un avvocato, visto che per lui potrà scattare la denuncia per rissa non solo per aver partecipato attivamente alle zuffe ma anche per essersi reso protagonista di altri comportamenti finiti sotto la lente d’ingrandimento della polizia locale. Oltre al 21enne dovranno presentarsi al Comando con i rispettivi genitori anche altri minorenni, uno di Paese oltre a due ragazze, una 16enne di Breda di Piave e ed una 17enne di Casier, che hanno partecipato agli episodi dello scorso weekend. Un’altra decina di convocazioni per altrettanti minorenni sono partite dal Comando e sono state già notificate agli interessati che saranno ascoltati come testimoni. Gli altri provvedimenti riguardano invece gli studenti del Giorgi che fermavano i bus in mezzo alla strada pretendendo di salire anche se i mezzi erano al completo o azionavano il freno di emergenza per scendere prima della fermata alla stazione dei treni. Sono stati fermati tre studenti, due minorenni di 15 anni di Zero Branco e un 23enne di Casale sul Sile. Uno di questi ha pure provato a scappare, ma è stato fermato e caricato nell’auto di servizio della polizia locale. —




2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Bengala Fire, l'appello al voto di Cornuda: "Facciamoli splendere fino alla vittoria"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi