Tamponi in fabbrica ogni 48-72 ore. I sindacati: le aziende ora ci pensano

Accordo trasversale di Fim, Fiom e Uil in vista del 15 ottobre: «Diverse imprese pronte a contribuire al costo»

TREVISO. Fanno discutere i tamponi gratuiti, o quando meno con lo sconto, assicurati ai non vaccinati dal gruppo EcorNaturaSì e dalla cooperativa “Idea Sociale”. Ma adesso scendono in campo anche le organizzazioni sindacali proponendo alle aziende di contrattare la disponibilità di tamponi ogni 48 (o 72 ore), magari garantiti all’interno delle aziende stesse.

La trattativa trasversale

Ieri mattina, in un incontro online tra i dirigenti Electrolux di Susegana, i delegati Rsu e i sindacati metalmeccanici, Antonio Bianchin della Fim ha fatto sapere che con la Fiom e la Uilm stanno chiedendo alle imprese di coprire il costo della verifica anti-contagio a quanti, fra i loro collaboratori, non intendono vaccinarsi neppure in presenza del Green pass obbligatorio.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Atlante, il capodoglio resiliente: sopravvissuto alla scontro con un'elica

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi