Contenuto riservato agli abbonati

Paolo Malaguti racconta Asolo: «Un diamante puro incontaminato dalla modernità che ci educa alla bellezza»

Lo scrittore narra la peculiarità del borgo in cui abita da sei anni e perché merita di vincere la selezione nazionale tra le città che valorizzano il sapere 


Vivo nella pedemontana del Grappa da quindici anni, e da sei mi ha accolto proprio la terra d’Asolo, candidata a Capitale della Cultura 2024. Continuo a sentire Padova come città del cuore, forse perché in Veneto, se ti sposti anche solo di pochi chilometri dal luogo in cui sei cresciuto, subito acquisti la patente di foresto. Nonostante questo non ho faticato ad innamorarmi perdutamente di questi luoghi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Atlante, il capodoglio resiliente: sopravvissuto alla scontro con un'elica

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi