Contenuto riservato agli abbonati

Storga, il bosco dei trevigiani è nel degrado. Un piano per bonificarlo e proteggerlo

Accordo tra Provincia e Università di Padova: sei mesi di tempo per creare la nuova mappa dell’oasi alle porte della città

TREVISO. Una macchia verde scuro che prova a incunearsi verso la città. La vista più efficace e che meglio racconta l’unicità del Parco dello Storga la fornisce Google Maps. Un bosco che nel 2003 nemmeno c’era, e oggi è diventato uno scrigno di biodiversità, un polmone verde amatissimo dai trevigiani. Una natura dirompente, che, senza manutenzione, in questi anni è però andata infittendosi e prendendosi anche spazi che sarebbero dedicati invece proprio ai trevigiani che vogliono vivere quel parco.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Atlante, il capodoglio resiliente: sopravvissuto alla scontro con un'elica

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi