Estorsione a luci rosse, arrestata una donna

Ricattato un 39enne trevigiano che si era scambiato messaggi e foto intime con una coetanea, che poi ha iniziato a minacciare lui e la sua famiglia

TREVISO. “Se non mi dai subito i soldi, mando le foto ai tuoi parenti e a tua mamma”.

I carabinieri della compagnia di Vittorio Veneto, in collaborazione con la Procura della Repubblica di Treviso, hanno arrestato in flagranza di reato una donna 39enne originaria del vicentino per estorsione ai danni di un coetaneo che risiede nel trevigiano, in un comune della cintura.

L’uomo, in agosto, era stato contattato telefonicamente dalla donna che, con dei pretesti, aveva iniziato ad interagire con lui mediante servizi di messaggistica, prima con conversazioni poi con lo scambio di fotografie intime sempre più “hot”.  

Successivamente, il 39enne si era dato appuntamento con la donna  vicino a un locale del vittoriese e lei gli aveva chiesto 3.000 euro per sostenere delle spese personali, pena la divulgazione delle immagini “piccanti”. Ma lei glie ne ha chiesti altri 6.500. E lui ha provveduto. All’ennesima richiesta di ulteriori 4.500 euro, il 39enne ha presentato denuncia ai militari. Per settimane è andata avanti così.

Nelle scorse ore l’ennesima richiesta di consegnare 5mila euro. All’appuntamento, però, si sono presentati anche i carabinieri di Vittorio. Nel momento del passaggio del denaro, i militari  vittoriesi hanno arrestato la donna, che adesso si trova nel carcere femminile della Giudecca.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi