Rave party itinerante lungo il Piave, 50 giovani identificati sabato notte

L'intervento dei carabinieri domenica mattina

Alcol, musica e trasgressione. Hanno invaso terreni privati e boscaglia, spostandosi lungo gli argini tra Giavera del Montello, Nervesa della Battaglia, Crocetta, persino nell’area della Laguna del Mort

CROCETTA DEL MONTELLO. Feste abusive open-air lungo la golena e gli argini del Piave, cinquanta giovani identificati dai carabinieri. Hanno dato vita a una festa musicale itinerante lungo le grave, tra Giavera del Montello, Nervesa della Battaglia, Crocetta, persino nell’area della Laguna del Mort dove è stata accoltellata la giovane Elisa Campeol. Una sorta di grande rave party a più riprese e più tappe, organizzato da giovani e giovanissimi trevigiani, ma anche alcuni ragazzi provenienti da altre province, parti d’Italia e qualche straniero.

Alcol, musica e trasgressione. Hanno invaso terreni privati e boscaglia, spostandosi lungo gli argini. Una lunga nottata quella dei carabinieri della compagnia di Montebelluna, che alle prime ore del mattino di domenica, è infine riuscita a identificarne una cinquantina, le cui posizioni sono adesso al vaglio.

I militari hanno dovuto scendere a piedi, al buio, alla ricerca dei giovani, che nel frattempo si spostavano. L’allarme è stato lanciato dai residenti delle zone limitrofe, che sentivano provenire musica a tutto volume da più parti, e vedevano strani movimenti. I ragazzi erano super organizzati. Ora potrebbero scattare delle denunce per occupazione suolo, ma anche disturbo della quiete.

Video del giorno

Homeschooling, il racconto di Morena Franzin: "Tre figli che studiano a casa, nessun rimorso"

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi