In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
il progetto contestato

Anche “CombinAzioni Festival” schierato contro le casse di Ciano

Il sindaco Severin “sprona” i giovani organizzatori: lo spettacolo del 17 settembre sia un contributo per chiedere lo stop alla realizzazione del bacino di espansione

enzo favero
1 minuto di lettura

MONTEBELLUNA

Il sindaco di Montebelluna schiera i giovani di CombinAzioni Festival nella lotta contro la realizzazione delle casse di espansione sulle Grave di Ciano. Tra la ventina di appuntamenti del festival di quest'anno ce n’ è uno infatti localizzato sulle Grave di Ciano, zona interessata da un progetto di realizzazione di casse di espansione su cui è in corso una guerra tra i Comuni rivieraschi e la Regione Veneto, anche con quelli, come Montebelluna, dello stesso colore politico. Una lotta contro la Regione a difesa delle Grave di Ciano che non vede schierato solo il Comune di Crocetta, direttamente interessato, ma anche gli altri Comuni, rivieraschi e non, dell'area del Medio Piave.

Quell'area che contiene quasi mille ettari di ecosistemi fluviali ricchi di biodiversità e bellezza sarà infatti lo scenario, il 17 settembre, del concerto di Erica Boschiero "Respira" e ieri, nella presentazione del programma di CombinAzioni Festival, il sindaco di Montebelluna, Elzo Severin, ha preso lo spunto per chiedere ai giovani organizzatori di fare opera di valorizzazione del sito per contribuire a ostacolare la realizzazione del progetto regionale. «È un progetto vecchio -ha detto Severin - che, se realizzato, distruggerà tutto il sistema fluviale che va da Vidor e Ciano. Noi Comuni ci stiamo battendo in tutti i modi perchè non venga realizzato e un contributo a questa lotta potete darlo anche voi giovani». Insomma, Severin vuole schierare la comunità di CombinAzioni Festival, ventuno under 30 come organizzatori ma che negli ultimi sei anni ha contato ai suoi eventi culturali anche 10 mila presenze e l'apporto di 200 volontari, contro il progetto di enormi casse di espansione sulle Grave per contenere le piene del Piave a valle. D'altronde, la scelta di CombinAzioni Festival quest'anno è anche di valorizzare i luoghi: ville venete come la Pisani a Montebelluna, la Pontello a Crocetta, la Onigo a Trevignano, la Loredan a Volpago, ma anche altri spazi, come il parco Manin, il vecchio cimitero di Montebelluna, le Grave di Ciano appunto, e anche l'ex polveriera del Montello, ora di proprietà del Comune di Volpago. Sarà infatti l'ex polveriera un altro luogo finora escluso da eventi e visite un altro dei luoghi dove metterà piede CombinAzioni Festival. Il pomeriggio del 19 settembre sarà infatti oggetto di una passeggiata con “ciceroni” Nadia Breda, docente di antropologia culturale all'Università di Firenze, e Giustino Mezzalira, direttore della sezione ricerca e gestioni agroforestali di Veneto Agricoltura.

L'obiettivo sarà quello di riflettere su un nuovo rapporto tra natura e cultura prendendo in esame quell'ex area militare dismessa e acquisita dal Comune di Volpago e per la quale va costruita una nuova mission. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori