Treni, da Spresiano a Lancenigo 6,50 euro

Pendolari in rivolta: gli aumenti ingiustificati, frutto di un errore, riguardano diverse tratte. Trenitalia: risolveremo presto

TREVISO. Dopo che decine di utenti hanno segnalato il problema dei biglietti a peso d’oro sulla tratta Treviso-Lancenigo, cinque euro e venti per una manciata di chilometri, non solo il disservizio non è stato risolto, ma è spuntato un maxi rincaro pure su un’altra tratta, quella da Lancenigo a Spresiano. Dove le cose vanno, se possibile, ancora peggio: 6,50 euro per cinque minuti netti di viaggio e nove chilometri di distanza. Più in generale, tutti collegamenti per Lancenigo presentano degli aumenti ingiustificati: da Conegliano, per esempio, sono sette euro e cinque centesimi, quando se ne spendono 5,90 da Conegliano a Venezia Santa Lucia.

Famiglie preoccupate

Il problema è che a Lancenigo hanno sede diversi istituti superiori che tra pochi giorni riapriranno le porte a centinaia di studenti, molti dei quali arriveranno in treno da vari paesi della Marca. Ci sono l’Itis Planck, il Lepido Rocco, l’alberghiero Alberini, tutti poco distanti dalla stazione. Figurarsi cos’hanno pensato le famiglie al momento di sottoscrivere l’abbonamento del treno o di comprare una corsa semplice, vedendo Trenitalia chiedere una cifra spropositata, con un rincaro del 170% rispetto alle tariffe precedenti.

Cosa sta succedendo

È chiaro a tutti che si tratta di un errore del sistema informatico, anche a Trenitalia stessa, che infatti ha promesso di risolverlo in tempi brevi e si è scusata con i viaggiatori. Le prime segnalazioni, in ogni caso, risalgono ormai allo scorso 22 agosto. Nonostante questo, ieri pomeriggio sul sito e sull’app della società i prezzi da e per Lancenigo continuavano a essere gonfiati senza motivazione, mentre per tutte le altre tratte non si registrano problemi, né sono in previsione rincari per le prossime settimane. Insomma il “caso Lancenigo” sta creando grossi grattacapi pure a un colosso come Trenitalia. «Siamo al corrente del problema e stiamo lavorando per risolverlo al più presto» ha risposto l’azienda, «si tratta di un’anomalia informatica» che al momento non ha una motivazione, e che si sta rivelando più ostica del previsto da aggiustare.

Capitolo rimborsi

Allo stesso tempo, Trenitalia ha assicurato che tutti i biglietti e gli abbonamenti acquistati a prezzo maggiorato saranno rimborsati. Sarà sufficiente presentarsi fisicamente in biglietteria per ottenere il ristoro. Le tariffe sui regionali sono infatti immutate da oltre un anno, e non saranno modificate prima di gennaio 2022, quando potrebbero subire piccoli ritocchi per l’adeguamento Istat. Lancenigo resta un incomprensibile “scivolone” informatico che dovrebbe, comunque, risolversi a stretto giro, si spera prima dell’inizio delle scuole. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi